Fotografare l’inverno

Ogni anno, condizioni meteo permettendo, si rinnova la magia dell’inverno. Quelle sottili sfumature, quelle ombre delicate, cieli chiari e freddi, sembrano la cornice ideale per immortalare il meglio di questa stagione.
Eppure non è così scontato fotografare la neve, personalmente la trovo un soggetto difficile.
Sono vari i fattori che ne complicano la buona riuscita, primo fra tutti la notevole escursione luminosa tra ombra e luce che può ingannare i sensori meno performanti (per esempio quello del nostro smartphone)
Se poi ci si mette anche una bella inversione termica il gioco è fatto.
Tuttavia nonostante la difficoltà tecnica lo trovo stimolante, finalmente posso godere di un paesaggio meraviglioso (inutile dilungarsi sul fatto che sia bello, tutti conosciamo la magia della neve)
E’ rigenerante poter godere di una limpida mattina dopo una bella nevicata, brume, nebbie, luci che si fondono,alberi che sembrano fuoriusciti dall’estro di un artista talentuoso, dipinti su nuovi pendii, acquistano nuove forme e nuove dimensioni.
Cambiano anche i paesi, pupazzi sulle cime innevate, vedette come falchi appollaiati.
Adoro l’inverno.

Daniele Marioli

Uscire dalle nebbie

 

L’Oltrepò Pavese è una terra collinare che si affaccia verso nord sulla Pianura Padana, e le valli che discendono dalla parte più montuosa ed elevata sono spesso invase dalle nebbie in risalita che si posizionano a una certa quota a seconda del punto di inversione termica. Quindi mentre nella pianura e nelle zone più basse delle valli tutto è avvolto dalle nuvole, sui colli più alti spesso non manca lo spettacolo di poter vedere uno splendido sole e cielo limpido.  lo scenario che si apre a chi ha voglia di affrontare qualche curva nebbiosa, non manca quasi mai, ed in alcuni casi è stupefacente, nella prima parte della mattinata, col sole sorto da poco fa capolino il Paese di Soriasco, con la sua bellissima Torre Medievale, nel frattempo il sole si innalza e lo spettacolo aumenta, tanto da essere visibile l’arco alpino, come nel caso di Torre degli Alberi alle cui spalle svetta la mastodontica mole del Monviso, spettacolare vetta delle Alpi piemontesi. Innumerevoli sono le occasioni per cogliere immagini suggestive, quasi surreali, eppure forse scontate per i tanti che vedo guidare tra le strade senza prestar caso a quello che per me, è un vero spettacolo della natura.

Daniele.

Per favore non scaricare le nostre fotografie. Contattaci!

Utilizzando il sito Oltrepò-Pavese.t accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi